Il sale rosa dell’Himalaya è conosciuto anche come “oro bianco”. Si tratta infatti di una risorsa davvero preziosa. E’ ricchissimo di sali minerali, che invece sono assenti nel sale da cucina, tra i quali troviamo soprattutto il ferro. Il caratteristico colore rosa è dovuto sia all’elevata presenza infatti di tale minerale, sia al fatto che questa speciale varietà di sale non viene sottoposta ad alcun trattamento sbiancante.
Questo rituale è una sinergia di manualità energetiche, decontratturanti e drenanti unite alle proprietà che sprigionano le sfere naturali di Sale Himalayano. Viene eseguito utilizzando olio solido di argan, karitè e cocco che a contatto con la pelle si scioglie e rilascia un gradevole profumo sensoriale oltre alle ben note caratteristiche di questi olii che nutrono in profondità il tessuto. Le tecniche manuali sciolgono piacevolmente le contratture muscolari e i nodi energetici abbinando anche movimenti drenanti rimuovendo le stasi linfatiche , si eseguono inoltre movimenti sui punti marma ( punti energetici del corpo) che vengono stimolati con le sfere e con attenti e sapienti sfioramenti. Le sfere completamente naturali, grazie alla loro forma, scivolano piacevolmente sul corpo rilasciando sulla pelle tutte le proprietà caratteristiche del sale himalayano ( energetico, drenante, antidolorifico, energizzante, ecc)
Questo rituale è utile in caso di stanchezza fisica e psichica, dolori muscolari, ritenzione idrica, crampi, stress, insonnia

sale 2

Comments

comments